image
  • Il museo Storico dell’Aeronautica a Vigna di Valle (Settimo Cielo n.12)

  • Pilatus S2B Pelican (Settimo Cielo n.12)

  • Segelflugmesse 2019, servizio nel n° 161

  • Prowing 2019, servizio nel n°160

  • Monte Cucco International Slope Meeting, servizio nel n° 161

  • Olditimer Segelflugtreffen ad Hahnweide, servizio nel n° 162

  • Jet Power Event 2019, servizio nel n° 162

> <
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Edizione Digitale 163

20191118 intro 162Questo primo numero del 2020, dopo aver smaltito i resoconti dei molti avvenimenti importanti che ogni anno caratterizzano la stagione di volo, è un po’ più “ricco di ciccia” per chi apprezza soprattutto gli articoli tecnici. Si va dal fantastico Furias di Ghisleri, che arricchisce ulteriormente l’hangar dei suoi racer semiscala, all’incredibile MAK-15 di Elia Passerini, il quale, dopo averci deliziato nel numero scorso con le bellissime foto di Hahnweide, stavolta ci presenta un’opera d’arte che avrebbe fatto una gran bella figura su Settimo Cielo, ma dato che abbiamo deciso di terminare lo scorso anno... meglio così. In mezzo a tutto ciò non possiamo trascurare il panciuto Super Sinbad di Alessandro Villa, uno dei veleggiatori oldtimer più popolari di sempre che Alessandro ha saputo reinterpretare benissimo, ingrandendolo in proporzioni più congeniali anche al volo in pendio. Di questo modello Alessandro vi può fornire sia il disegno sia un semi-kit, mentre del Furias troverete come sempre il disegno in archivio. Per chi ha davvero tanta voglia di costruire, sono certo che anche Elia sia pronto a fornire documentazione e suggerimenti sull’intricato MAK-15. Direi che con questi tre articoli già abbiamo tirato fuori un bel numero, ma vogliamo strafare ed offrirvi un numerone. Allora via con qualche cronaca degli ultimi incontri della stagione passata, un breve articolo sullo smaltimento delle LiPo, una brillante idea di Paolo Dapporto per la velocissima realizzazione di uno stampo semi durevole, un ripasso del concetto di “strato limite” e due interessanti articoli a carattere storico. Il primo è un grande lavoro di ricerca che Gianni Mattea e Giacomo Mauro, con la collaborazione di Leonardo Garofali e Gianmauro Castagnetti, hanno fatto sulla storia del Supertigre X15 RV, uno dei motori più iconici della Casa di Pianoro. Il secondo invece è farina del mio sacco e riguarda i modelli di uno dei primi campioni del mondo di acrobazia RC che pochissimi ricordano. Sto parlando di Tom Brett che nella sua breve vita (se ne andò a soli 48 anni) produsse alcuni pluri di grande eleganza ed un modello davvero sopra le righe che però, alla luce degli sviluppi estetici degli odierni F3A, appare quasi profetico: il TBX-1. Chiude il numero l’ottimo Francesco Bussi che, come al solito, ci avvicina all’aviazione maggiore continuando a parlarci delle problematiche relative alla strumentazione di bordo.

Edizione Digitale 162

20191118 intro 162Il n° 162 di Modellismo esce con un lievissimo ritardo rispetto ai tempi consueti e ce ne scusiamo. In mezzo c'è stata l'uscita di Settimo Cielo che ci ha portato via molto tempo, ma che ora potete trovare nei negozi di modellismo o direttamente presso di noi ordinandolo nella sezione “shop”.
Questo numero di Modellismo copre molti degli eventi più importanti della seconda parte del 2019: dai Mondiali di F3A al Jet Power Event. Inoltre, questa volta ci siamo voluti dedicare anche all'aviazione maggiore con un fotoreportage dalla bellissima Oldtimer Fliegertreffen di Hahnweide, una manifestazione che non capita spesso di vedere. Gli aspetti più tecnici di questo numero sono invece affidati ad Alberto Dotti col suo CriCri, un buffo aereo che ha sempre riscosso notevole successo fra i modellisti, a Paolo Dapporto con le sue interessantissime tecniche costruttive, a Ciro Maristena che riesce sempre a rivitalizzare modelli che hanno segnato la gioventù di parecchi e a Carlo Simeoni che si è inventato un simpatico modello a basso costo e basso impegno per il volo vincolato, categoria che pian piano sta vivendo una seconda giovinezza e sulla quale torneremo sempre più spesso.
In chiusura, come al solito, Francesco Bussi affronta aspetti della tecnica aeronautica che spesso s’incrociano e s’intrecciano con quelli più strettamente aeromodellistici. E’ il caso della strumentazione di bordo che, con l’avvento della telemetria, sta assumendo un ruolo sempre più centrale anche nell’aeromodellismo. Buona lettura quindi, ma soprattutto tantissimi auguri a tutti voi ed ai vostri cari per le prossime festività.

Edizione Digitale 161

20190831 intro 161
Il n° 161 di Modellismo è in distribuzione. Questo è tradizionalmente il numero dedicato agli eventi estivi, di solito consacrati in gran parte al volo silenzioso e sia la Segelflugmesse sia i numerosi eventi in pendio quest’anno sono andati molto bene.
In Italia abbiamo avuto anche un Campionato Mondiale di F3A che è passato un po’ in sordina, vuoi perché la categoria non ha più il mitico appeal di un tempo, vuoi perché chi lo ha organizzato non brilla notoriamente per avere grandi capacità di comunicazione.
Ne parleremo comunque nel prossimo numero con un dettagliato reportage. Come molti già sapranno, ha vinto uno straordinario CPLR indubbiamente il più grande di sempre) seguito dall’eterno rivale Tetsuo Onda e da un incredibile Gernot Bruckmann che solo pochi giorni prima si era esibito alla Segelflugmesse (alla quale dedichiamo un ampio servizio) confermando di essere probabilmente il modellista più versatile al mondo, capace di pilotare qualunque modello, vuoi indoor, vuoi da termica, vuoi da acrobazia, in maniera assolutamente impeccabile.
Molto spazio anche al volo in pendio col Meeting del Cucco, Bielmonte e il Vettore. Gabriele Tacchi ci presenta “Er Trincia” un trimotore di Angelo Montagna, mentre Umberto Ghirardelli ci parla degli ultimi sviluppi nella messa a punto dello Starcruiser Alpha, un tuttala molto interessante. Spazio anche ai micromodelli con i Peanuts, mentre per le monografie questa volta vi presentiamo il Grob G 120TP, un turboelica che sta entrando prepotentemente anche nel mondo aeromodellistico. E poi… tante altre cose che come sempre v’invitiamo a scoprire personalmente. Buona lettura!

Edizione Digitale 160

20190703 intro 160
Il numero estivo di Modellismo (160) è pronto per essere sfogliato sotto l'ombrellone. A voler ben guardare, numericamente gli articoli di questo numero sono meno del solito, ma in diversi casi sono molto ponderosi.
D'altra parte sia la Prowing sia l'Italian Jet Show meritavano un ampio spazio ed anche un articolo tecnico come quello che Paolo Dapporto ha voluto dedicare alla tecnica costruttiva delle ali dei suoi veleggiatori, ha un peso notevole. Sono sicuro che si rivelerà un contributo utilissimo per tutti quelli che amano costruire i propri modelli sperimentando nuove tecniche. Grazie Paolo! Un ringraziamento anche a Michele Moschetta che con la sua accuratissima recensione della nuova Jeti DS-12 ci ha offerto un'anteprima mondiale. Sempre in tema di elettronica, Ruggero Corazza ci presenta "Pilotino", un progetto per un sistema di stabilizzazione ed assistenza al volo da lui sviluppato assieme ad Eduardo Surace. Nel frattempo i test proseguono e nel prossimo numero ci sarà già un primo approfondimento.
Sempre per gli appassionati di volo silenzioso, Cristian Duratti presenta il suo bellissimo Silent 2 Electro, mentre Giuseppe Ardit ha voluto rivisitare il Bird of Time, un modello leggendario che ha ridi¬segnato con alcuni miglioramenti e che potrete scaricare in Pdf dal nostro archivio.
Dall'enorme archivio di Outerzone, invece, potrete scaricare i due graziosissimi modelli d'epoca che abbiamo ripescato per voi. Infine, Francesco Bussi prosegue la disamina delle problematiche degli idrovolanti e si conclude anche la trattazione dell'ala oscillante che il compianto Ferdinando Galè scrisse per noi alcuni anni fa e che vi abbiamo voluto riproporre con alcuni aggiornamenti.

Edizione Digitale 159

20190513 intro 159
Il n° 159 è in distribuzione, ma prima di tutto, una veloce nota di servizio: quest’anno abbiamo deciso di rimandare l’uscita di Settimo Cielo ad ottobre. So bene che per tradizione il nostro annuario esce a fine giugno, ma caso vuole che un paio di articoli “importanti” non potranno essere pronti prima dell’estate a causa di ritardi indipendenti dalla nostra volontà, per cui rimandiamo tutto all’autunno. D’altro canto un “annuario” si chiama così perché esce una sola volta l’anno e quindi questo spostamento inatteso non sarà un dramma per nessuno. Nel frattempo, il notevole numero di pagine della rivista ci permette di pubblicare articoli decisamente ponderosi anche frazionandoli in più puntate. E’ il caso della lunga descrizione della macchina CNC di Marco Imbastari che si conclude in questo numero, o dell’interessantissimo articolo del compianto Ferdinando Galè sull’ala oscillante che abbiamo provveduto ad integrare con nuove immagini.
Anche “La Belle Époque del volo vincolato” si sarebbe conclusa qui, ma dal prossimo numero provvederemo noi a spingerci ancora più avanti, parlando delle origini della velocità e dell’acrobazia F2B. Inoltre, da questo numero cominciamo a pubblicare una serie di consigli pratici di Paolo Dapporto, frutto della sua lunghissima esperienza d’infaticabile costruttore. Anche Manrico Mincuzzi questa volta ci propone dei validissimi suggerimenti sul raffreddamento dei grossi motori a benzina, mentre Ghisleri, che ormai è stato contagiato dal “morbo dei racer”, dopo il Kingcobra presenta un fantastico Stiletto che potete vedere nella foto insieme al suo predecessore. Per gli aliantisti, il Bergfalke IV di Valerio Alberti e l’Airone di Danilo Sisani saranno una bella fonte d’ispirazione, mentre i riproduzionisti si potranno deliziare con l’Aeronca Chief di Sturla Snorrason. Francesco Bussi continua a parlarci d’idrovolanti e... non vi pare ancora abbastanza? E infatti c’è anche dell’altro. Buona lettura!

Edizione Digitale 158

20190302 intro 158
Con un certo anticipo rispetto al solito, è in distribuzione il nuovo numero di Modellismo che questa volta è davvero sopra le righe fin dalla copertina raffigurante Paolo Dapporto molto soddisfatto col suo Rombo, il veleggiatore per la categoria Autonomy che ha progettato insieme ad Eugenio Pagliano basandosi sulla teoria dell'ala infinita sviluppata negli anni ’20 da Ludwig Prandtl e che oggi sta tornando di attualità anche nell’aviazione maggiore. Ma gli appassionati di volo silenzioso troveranno anche due riproduzioni molto interessanti: il magnifico Kobuz 3 tutto fibra in scala 1:3 di Peppe Panzieri ed il Ka8 da 3 metri di Silvio Galiazzo, con un dettagliato progetto già in archivio. Sempre in archivio troverete anche il Kingcobra semiscala di Beppe Ghisleri che ci ha offerto lo spunto per preparare una bella monografia sul Bell P-63. Infine, sempre per gli appassionati di riproduzioni, la presentazione dell’ultima creatura di Giacomo Mazzari: un bellissimo Fieseler Storch in livrea delle Regia, fotografato dal grande Nicola Fasoli. E poi… un sacco di altre cose sfiziose. Come sempre, del resto.

Shop

paypal

Seguici

twitterfbytgplus
Questo sito utilizza i "cookie" per migliorarne la navigazione e garantire una corretta visualizzazione di tutte le aree delllo stesso. Chiudendo questo banner il visitatore e/o l'Utente Registrato, acconsente all’uso dei "cookie". Per saperne di più vai alla pagina Informativa sui Cookie - Cookies Policy.